Gran finale tutto per l’ospite

racconti cuckold

Quando ricevono un partner d’avventura nell’appartamentino appositamente preso fuori mano, Angela si dedica subito al marito voyeur. Poi, però, questi si bea ad osservarla mentre lei dà all’altro il meglio di sé…

Eravamo stati intimi per un anno intero e ne avevamo combinate di cotte e di crude. Poi, si sa come vanno le cose, ci eravamo persi di vista. Da parecchio che non sapevo più nulla di lei.

E, improvvisamente l’altro mese, l’ho riconosciuta per la strada. Non mi aveva visto e l’ho chiamata ad alta voce. Si è girata di colpo e me la sono ritrovata fra le braccia. Angela! Con la lingua in bocca, mi ha baciato spudoratamente, davanti a tutti, al suo solito. Ci siamo infilati in un bar a parlare. “Che fai di bello?” mi ha sorriso “Intanto, mi sono sposata, mio marito è un caro ragazzo, gli voglio anche bene. Ma…, non è in grado di soddisfarmi.

Io sono insaziabile lo ricordi? E lui, invece, come dire, non ha molte riserve. Beh, con te voglio essere sincera fino in fondo: “ha un vizietto… insomma, preferisce guardare”. “Guardare mentre ti prendi il cazzo di un altro?” Angela ha fatto di sì con la testa passandosi lascivamente la lingua sulle labbra.

E’ un suo gesto abituale: quando stavamo insieme me lo faceva diventare duro, e lei sapendolo lo ripeteva spesso. Mi è venuto duro anche in quel momento, smanioso che seguitasse il racconto.

“E allora?” “Allora, quando ho capito la verità, ho cercato di accontentarlo. Al principio con i suoi amici. Poi con qualche persona che mi corteggiava… Ma lui, insistente, voleva vedermi sempre con nuovi uomini. E io mica posso mettermi a battere i marciapiedi, mio marito è conosciuto, dobbiamo essere cauti. Quindi abbiamo pensato alle avventure online attraverso i siti di annunci incontri, capisci?

Appena riceviamo un messaggio privato che ci sembra giusta, fissiamo l’appuntamento. Mio marito ha anche comperato un appartamentino fuori mano, per questi nostri incontri a tre”.

“E lui si limita a guardare?” ho domandato incredulo. Uno può anche avere scarse riserve, ma con una femmina come Angela, restare solo spettatori mi sembra proprio impossibile.

“All’inizio no”, ha precisato la mia amica, all’inizio partecipa anche lui. Per riscaldare l’atmosfera e non far sentire l’ospite in imbarazzo. Io mi dedico all’uccello di mio marito, lo manipolo e lo spompino. Ma resiste poco. Ha l’eiaculazione precoce, poverino.

Mi faccio impiastricciare le mani o le labbra, e questo in genere eccita al massimo chi potremmo definire il terzo lato del triangolo. O il primo. Perché è a costui che, da quel momento, dedico tutta me stessa. E tu mi conosci sai di quante fantasie sono capace…

“Eccome se lo so”. Rivivo a occhi chiusi la scena descritta, com se fossi davvero presente. Angela seminuda, scatenata sul cazzo dello sconosciuto, con la faccia avvampante di goduria, i capelli sciolti, i bei seni impazziti, e la sua fica che cattura quel membro turgido.

Angela che cambia di continuo posa, che lo monta, si fa cavalcare, che guida il ritmo, che se lo aspira nel buco del culo, Angela che grida di piacere, che incita il suo drudo occasionale a sfondarla, e intanto fissa il marito che li osserva e si delizia cerebralmente a quella situazione, e non lascia un attimo di tregua al suo partner, lo spompa in tutti i modi possibili, fino a lasciarlo estasiato…

Riapro lentamente gli occhi: lei mi sta guardando golosa. Sento il suo piede che ha sfilato dalla scarpa, cercare maligno il mio cazzo, stuzzicarlo. “Adesso vado alla toilette” mi sussurra sorridendo “angelicamente” “raggiungimi là”.

L’ho seguita con gioia, dopo un minuto. Lei era già china in avanti, appoggiandosi al lavandino, le ho sollevato la gonna. Era senza mutandine. L’ho chiavata così, in fretta, eppure ho goduto follemente. Prima di lasciarci, Angela m’ha detto: “La prossima settimana, iscriviti e manda un messaggio privato al nostro profilo. Ne arrivano tanti ma sarò io a scegliere. E sceglierò te. Così ci chiaveremo davanti a mio marito. Vedrai, sarà uno sballo… “.

L’incontro a tre è avvenuto. Parola mia che Angela non bluffava. E’ stato una sballo davvero. Peccato che lei non abbia voluto ripetere l’esperienza. “Ho promesso a mio marito di essergli fedele. Niente relazioni fisse. Ogni volta un cazzo nuovo. Del resto, preferisco così…”

Dario, Firenze


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.